Guzzanti, lo Show!

VulviaAvremmo dovuto essere in 14, invece, causa neve (o così dicono) siamo rimasti in 7. Lo spettacolo sarebbe dovuto iniziare alle 21, invece, causa neve, è iniziato alle 21.20 e noi siamo entrati in sala alle 21.40, sempre a causa neve ovviamente.

Peccato per Tremonti, ce lo siamo persi… (Era proprio in quei primi 20 minuti!)

In compenso però ci siamo goduti il resto dello spettacolo dalla tribuna stampa (grazie all’amico infiltrato!). Visuale e audio perfetti… Meglio di così non si poteva chiedere!

Guzzanti è davvero un grande. Un artista, un comico, un uomo di cultura, uno showman.

Non lo conoscevo molto bene, e anche i suoi personaggi più famosi li avevo solo intravisti facendo zapping. Ma da venerdì sono senza dubbio diventata una fan a pieno titolo (No, non sono arrivata a rubare la locandina come ha fatto qualcun’altro… e non faccio nomi! ;) )

I protagonisti dello show sono stati Corrado Guzzanti (ovvio, lo show era il suo!), la sorella Caterina e Marco Marzocca (che scopro solo ora essere, tra l’altro, uno dei protagonisti di Zelig)… Il filo rosso che tiene insieme lo spettacolo è il dialogo tra Guzzanti e Padre Federico (Marco Marzocca). Questo schema narrativo mi dicono che è stato ripreso dal Caso Scafroglia, che io per ora non conosco, ma su cui mi informerò mooolto presto! I due parlano di giovani, di religione, di società… e tra una parte e l’altra del discorso si inseriscono i personaggi, vecchi e nuovi, di Corrado e Caterina: Miss Italia e Mariastella Gelmini (FAVOLOSA!) per lei e Vulvia, Funari, Bertinotti, Quelo, un Cardinale e Di Pietro per lui.

Ciò che mi ha colpito dello spettacolo, oltre alla bravura di tutti e tre i protagonisti, è stata la sapienza con cui sono state mescolate battute molto leggere (tanto per dirne una “gli spingitori di cavalieri”) con un’ironia molto più strutturata, pensata, profonda (la “teoria delle zanzare” di Bertinotti e “quando guardi harry potter…” del cardinale)…un’ironia che fa riflettere…

Ha sparato a zero su chiesa, politica e politici ed è stato molto bravo a farlo. Non sono riuscita a non condividere neanche una delle battute che ha fatto.

Consigliatissimo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>