Liceo Musicale? AH AH AH

Gelmini

Gelmini

Che la riforma Gelmini facesse schifo lo sapevamo già e senza entrare nel merito delle scelte che sono state fatte dal Governo, basti dire che faceva schifo perchè venivano tagliati i fondi dedicati all’istruzione. E se vengono tagliate le risorse è innegabile che la situazione non può che peggiorare.

Ma, come sostiene Murphy, se le cose già vanno male, di sicuro andranno anche peggio.

É di oggi infatti la notizia che il Liceo Musicale e quello Coreutico non si faranno. E di questo non posso che gioire perchè a mio modesto parere snaturare il liceo per “farlo piacere” è una bestemmia. Quando ho saputo dell’esistenza di LICEI senza latino mi si sono attorcigliate le budella. Chi vuole imparare la musica vada al conservatorio, oppure che venga creato un istituto tecnico ad essa dedicato, ma non parlatemi di LICEO “coreutico” per favore.

(Non voglio far imbestialire musicisti, musicanti e musichevoli! Che la musica sia sottovalutata e sottostimata e sottoinsegnata nelle scuole italiane è fuori di dubbio… Ma dedicare un LICEO a questo tipo di attività non mi sembra la soluzione migliore al problema.)

Il vero problema dove nasce allora? Nasce dal fatto che, invece di eliminare del tutto questo indirizzo di studi, abortendo un’idea che non avrebbe mai dovuto essere concepita, hanno pensato bene di lasciare una decina di classi figlie del progetto. Questo cosa significa? Significa che pochissimi eletti avranno la possibilità di frequentare le classi super speciali, pochi privilegiati potranno effettivamente scegliere il nuovo percorso, mentre la maggior parte degli studenti dovranno rinunciarvi. E chi mai potrà godere di questa fortuna? Facile! Chi potrà permetterselo. Chi potrà pagarsi gli studi fuori sede, chi supererà l’esame (ovviamente queste classi saranno a numero chiuso), o meglio, chi avrà la raccomandazione per passare questo esame.

Che la legge non fosse uguale per tutti, già lo sapevo, ma queste porcate mi lasciano ogni volta senza parole.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>