Corso in Graphic Design – Lezione 5 & 6

Se ho capito una cosa del Graphic Design è che, esattamente come altra skill, bisogna sudarsi ogni minima conquista.

La mole di projects e collections of works che sto facendo non l’avrei davvero mai immaginata! Ad ogni lezione passiamo una mezz’ora a studiare la teoria (l’importanza della grid o del CRAP – constrast, repetition, alignment, proximity – o oggi la teoria dei colori) e tutto il resto del tempo a lavorare praticamente ai brief. Nelle tre sere in cui non ho il corso in sede faccio compiti e nel WE ancora altri compiti.

Tutto si può dire di questo corso ma non che non ci stiano facendo esercitare molto!

Le mie performances non sono salite di livello, ma ho curiosato tra i lavori dei miei compagni di avventura e ho visto che ce ne sono altri nelle mie condizioni. Magra consolazione, lo so, ma è sempre meglio di niente.

Dopo aver provato matite, carboncini, pastelli, inkintense e gessetti ora ci stiamo dando dentro con collage e fotomontaggi. In più, giusto per non farmi mancare niente mi son comprata degli acrilici. Così nei miei progetti casalinghi posso “try different medias”, che è la frase che forse ho sentito dire più spesso dalla Super-Prof. Provare, provare, provare! Bisogna provare colori diversi, su supporti diversi, con forme diverse. Non bisogna mai fermarsi al primo sketch, sia che sembri un capolavoro, sia che sembri una schifezza. In entrambi i casi è solo un punto di partenza.

Per il prossimo Giovedì bisogna creare un “Mood Board” legato al Core Project del viaggio per andare al lavoro di cui ho parlato nell’ultimo post. Io che probabilmente mi focalizzerò su un font gotico nel Core, probabilmente farò un board molto dark, scary e un po’ horror (tanto di expertise nel campo “film horror” ne ho in abbondanza).

Digressione sentimentale: In seconda superiore se non sbaglio in classe avevamo fatto un progettino analogo. Ognuno aveva creato un A3 con la tecnica del collage/fotomontaggio con i ritagli dei giornali per descrivere se stesso. Io, tra le altre cose, avevo messo una famiglia di piguini… Come passa il tempo…

3 thoughts on “Corso in Graphic Design – Lezione 5 & 6

  1. Darkman on

    In seconda superiore avevamo fatto un progetto analogo? E io cosa avevo portato? Probabilmente un collage di playboy…

  2. Probabilmente stavi leggendo la Gazzetta in ultima fila… Ah no, in seconda ancora sembravi uno studente modello! Sembravi…

  3. Lo sai che sulla home questo post ha una foto d’anteprima fin troppo inquietante?
    Un bambino tutto rosso con due buchi neri al posto degli occhi…
    E se lo dico io che è inquietante allora È inquietante!

    (PS ho cambiato link, ho un dominio tutto mio pure io, sono diventata grande e seria :P mi aggiorni?)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>